Chiudi

 

Blog ad Improbabilità Infinita

L'unico blog che può trasformarvi in una balena o in un vaso di petunie

Feed RSS / Commenti RSS APML

La Caffettiera del Masochista

Scritto il 13 October 2007 alle 22:08

Acquista ora su laFeltrinelli.it

Questo libro lo avevo già letto più o meno un anno fa, ma visto che ci è stato fortemente consigliato per il corso di interazione persona-computer della facoltà di informatica di Bologna, me lo sono riletto oggi. Il titolo italiano del libro di Donald A. Norman, "La Caffettiera del Masochista", è particolarmente accattivante, ma quello originale esprime meglio il contenuto del libro: "The Psychology of Everyday Things".

Infatti il libro discute riguardo alla progettazione di oggetti comunemente utilizzati nella vita quotidiana. La quarta di copertina riporta:

"Un processo al cattivo design, condotto dal principale esponente del cognitivismo contemporaneo. Una dimostrazione coinvolgente dello scarto che intercorre fra il funzionamento della mente umana e gran parte degli oggetti che ci circondano e che siamo condannati ad usare."

I concetti sono spiegati in prima persona, con un linguaggio semplice, divertente ed accattivante; tutto prende spunto da episodi della vita dell'autore stesso, di suoi amici e collaboratori e vi sono continui esempi ed illustrazioni. Ciò lo rende accessibile a tutti e mai noioso poiché concetti di design vengono affrontati senza incutere alcun timore.
Così come vengono analizzati gli oggetti, viene analizzata anche la componente umana sia dal punto di vista del progettista, sia da quello dell'utente finale. Sono dunque spiegati i meccanismi che sottendono ai processi cognitivi delle persone e viene fornito un modello per comprendere il funzionamento della memoria. Molto interessante anche una categorizzazione dei possibili errori cui sono soggette le persone e nei quali è molto facile ritrovarsi :).

Se vi domandate perché premete sempre gli interruttori sbagliati o vi trovate a spingere una porta che, nella mente del progettista, andrebbe tirata, allora scoprirete il perché in questo libro e, soprattutto, verrete confortati dal fatto che molto probabilmente non è per nulla colpa vostra!

---

Informazioni sul libro:

Titolo Originale The Psychology of Everyday Things
Editore Giunti
Anno di pubblicazione 2006
Pagine 322
Legatura brossura
Prezzo € 9.50
ISBN 88-09-04419-3

Acquista ora su laFeltrinelli.it

Post attinenti:

10 commenti ↓

  • 1 MagNo Gravatar ~ 14/10/2007 @ 02:43:07

    Oh grazie! Avevo sentito parlare di questo libro, ma ne avevo scordato il titolo -.- così ora lo posso leggere anche io 😀

  • 2 La Caffettiera del Masochista « Blog ad Improbabilità Infinita ~ 14/10/2007 @ 23:17:49

    [...] quindi cliccate qui. [...]

  • 3 poluzNo Gravatar ~ 18/10/2007 @ 16:00:51

    Uno può fare anche una cosa perfettamente, ma ciò non impedirà alla gente di tirare una porta su cui c'è scritto spingere 😀

  • 4 JhackNo Gravatar ~ 18/10/2007 @ 17:22:44

    @poluz: non capisco bene cosa vuoi dire. Se ti mettessi davanti ad una porta completamente piatta, sulla quale una zone è evidenziata (non in rilievo, magari semplicemente colorata o di un altro materiale) la tua mente ti porterebbe naturalmente a spingerla ed inoltre, anche se volessi dovresti inventarti qualche manovra non banale per riuscire a tirarla verso di te, visto che non avrebbe alcun appiglio, sempre che possa ruotare verso di te.

  • 5 rigelblueNo Gravatar ~ 28/11/2007 @ 14:32:50

    libro di testo della mia università, smazzato in (foto) copie svolazzanti. l'ho sempre desiderato. mmmhh una buona idea per natale 🙂

  • 6 hiLLeL81No Gravatar ~ 17/03/2008 @ 12:37:36

    Adoro questo libro, mi ha fatto guardare tutti gli oggetti che mi circondano con occhi diversi e mi ha fatto cambiare il target dei colpi che mando quando non capisco come funzionano le cose 😀

  • 7 magaolimpiaNo Gravatar ~ 16/11/2008 @ 19:06:27

    L'ho sempre affermato: non sono pasticciona, è il mondo che è progettato male!

    Vorrei regalare questo libro a chi ha progettato i televisori Sharp. Com'è possibile che ci siano 999 canali disponibili e se, per esempio Rai1 in automatico te la mette sul 995 per spostarla sull'1 devi premere un pulsante 994 volte per farla salire di posizione??? Moltiplicate questa operazione per il numero di canali che volete spostare a vostro piacimento.... (Tutti i canali vagamente interessanti all'inizio vengono memorizzati intorno al 700 - 800).

  • 8 magaolimpiaNo Gravatar ~ 16/11/2008 @ 20:55:34

    Il mio è lo Sharp LC 32SB25E.

    Si può tenere premuto il pulsante, ma non direi che scorre "velocemente". Sì, ti eviti il crampo al dito, ma il latte alle ginocchia ti viene lo stesso!

    Ma dare la possibilità di digitare il numero in cui posizionare il canale era così difficile???

  • 9 JhackNo Gravatar ~ 16/11/2008 @ 20:03:14

    @magaolimpia: anche i miei hanno uno Sharp :D. Non ho mai indagato, sinceramente, ma se davvero non c'è un modo alternativo (ad esempio, tenere premuto il pulsante per scorrere velocemente) allora è davvero una progettazione fatta senza cervello.

  • 10 poshgirlNo Gravatar ~ 3/07/2009 @ 21:24:40

    anke io ho lo stesso televisore e all acquisto per sintonizzare i canali mi è venuto il crampo al dito!!!

    ti sono solidale!

Commentami!

Puoi utilizzare i seguenti tag XHTML <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>